Le Cascate del Varone, il risultato di un’erosione che dura da 20mila anni

A pochi chilometri da Riva del Garda, in Trentino-Alto Adige, nascono le Cascate del Varone: una gola erosa in 20mila anni dall'acqua piovente dal lago di Tenno.

Durante il percorso che dalla Grotta Inferiore - da dove si ammira la fase 'finale' della cascata - porta alla Grotta Superiore (dalla quale si osserva ancora più da vicino il salto dell'acqua da 98 metri di altezza) si passa per un'altra meraviglia naturale: il parco botanico.

La Cascata del Varone è aperta al pubblico dal 1874

Prima di questa data non era possibile visitare la 'forra' addentrandosi nella montagna. Oggi, invece, tra sentieri, balaustre e tunnel ci si ritrova immersi (letteralmente) in uno scenario unico.

L'erosione millenaria non è finita!

Anzi, come viene spiegato sul sito del 'Parco Grotta Cascata Varone', continua ad una media di circa due millimetri all'anno.

E se la gola nella parte inferiore si addentra per 55 metri, quella superiore supera i 70 metri.

L'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe, Franz Kafka e Thomas Mann sono solo alcuni dei nomi 'noti' che hanno voluto visitare questo spettacolo della natura. Anche Gabriele D'Annunzio non riuscì a resistere al fascino delle cascate del Varone e, alla fine della visita, firmando un autografo scrisse: “L'uomo del turbine e dell'acqua”.